Quesiti Operativi

In caso di simulazione di atti di tortura si configura il reato di cui all'art. 613 bis c.p.?

 

Se vengono simulati atti di tortura, si consuma o no il delitto qualora ne conseguano i descritti esiti? E se non ne conseguono? Per rispondere a tale quesito occorre partire dal significato da attribuire al termine simulare, riferito agli atti di tortura. Se tale verbo viene intenso nel senso di porre in essere “fittiziamente” atti di tortura non si realizza il reato di cui all'art. 613-bis c.p., tanto se ne conseguono gli esiti descritti dalla norma, quanto se non ne conseguono, perché ...

Leggi dopo