Giurisprudenza sovranazionale

Gli strumenti per scongiurare il rischio di “trattamenti inumani e degradanti” per il destinatario del MAE

13 Dicembre 2019 | ,

C.G.UE, Grande Sezione,

Mandato di arresto europeo (MAE)

Sommario

Premessa | I precedenti giurisprudenziali | La sentenza in esame | Aspetti innovativi e criticità | La trasparenza. Un facile rimedio per la tutela dei diritti |

 

La sentenza del 15 ottobre 2019 della Grande Sezione della Corte di Giustizia dell’Unione europea (causa C-128/18), si colloca all’interno di un percorso giurisprudenziale già iniziato nel 2016. Il punto di arrivo è costituito dal rafforzamento della tutela dei diritti fondamentali dei soggetti destinatari di un mandato di arresto europeo...

Leggi dopo