Giurisprudenza commentata

La mancata svalutazione di un credito inesigibile integra il reato di falso in bilancio

04 Settembre 2017 |

Cass. pen., Sez. V

Reati societari

Sommario

Massima | Il caso | La questione | Le questioni giuridiche | Osservazioni | Guida all'approfondimento |

 

L'interrogativo che si pone nel caso sottoposto alla Corte di cassazione con la sentenza in commento riguarda la possibile rilevanza penale ai sensi dell'art. 2621 c.c. della mancata svalutazione in bilancio – almeno del 90% secondo i principi contabili – di un credito divenuto da tempo inesigibile. La Corte di cassazione rigetta il ricorso per infondatezza e, con riferimento al profilo della bancarotta impropria da falso in bilancio, ritiene la decisione di condanna priva di vizi logici, atteso che la permanenza nel bilancio della fallita di un credito in realtà inesigibile fin dal 2007 ...

Leggi dopo