Giurisprudenza commentata

Distrazione di somme aziendali e reato di appropriazione indebita. Qualche puntualizzazione dalla Cassazione

27 Giugno 2019 |

Cass. pen., Sez. II,

Reati fallimentari

Sommario

Massima | Il caso | La questione | Le soluzioni giuridiche | Osservazioni |

 

Non integra il reato di appropriazione indebita, ma una mera condotta di distrazione non rilevante ai sensi dell'art. 646 c.p., non rappresentando una violazione di tale previsione il compimento, da parte dell'amministratore di una società di capitali, di atti di disposizione patrimoniale comunque idonei a soddisfare anche indirettamente l'interesse sociale, e non un interesse esclusivamente personale del disponente.

Leggi dopo

Le Bussole correlate >