Focus

Sulla natura “mista” della querela e conseguente applicazione del principio del favor rei

Sommario

Massima | Il caso | Le modifiche introdotte dalla l. 36/2018 | La successione delle leggi penali nel tempo | L'analisi della Suprema Corte e la precisazione sulla natura mista della querela | In conclusione |

 

La Suprema Corte di Cassazione, sentenza n. 21700/2019 ha affermato che la querela è istituto di natura mista, processuale e sostanziale. La modifica del suo regime ha quindi effetto retroattivo ove sia migliorativa della posizione dell'imputato; e solo entro limiti di un procedimento ancora pendente. Non, quindi, in caso di ricorso inammissibile che, in quanto tale, non è idoneo a mantenere vivo il rapporto processuale.

Leggi dopo