Focus

Sui concetti di prossimità e vicinanza. Un caso di spaccio vicino l’Università

Sommario

Abstract | La sentenza della Suprema Corte n. 27458/2017 | Il divieto d'accesso | In conclusione | Guida all'approfondimento |

 

Secondo la Suprema Corte l'aggravante specifica prevista dall'art. 80, comma 1, lett. g) d.P.R. 309/1990 per lo spaccio di sostanze stupefacenti effettuato «all'interno o in prossimità di scuole di ogni ordine o grado, comunità giovanili, caserme, carceri, ospedali, strutture per la cura e la riabilitazione dei tossicodipendenti» non trova applicazione nel caso in cui il fatto sia commesso, genericamente, nei pressi delle Università. Nel frattempo, il d.l. 20 febbraio 2017 n. 14, recante Disposizioni urgenti in materia di sicurezza delle città, convertito con ...

Leggi dopo

Le Bussole correlate >