Homepage

News News

I gatti possono costituire una forma di molestia nei confronti dei vicini?

14 Giugno 2019 | di Redazione Scientifica

Cass. pen., Sez. V., 27 marzo 2019 (dep. 5 giugno 2019), n. 25097

Stalking

Il comportamento volontariamente e deliberatamente tenuto dalla proprietaria che lasci i gatti incustoditi tanto da recare molestia agli altri, configura un comportamento certamente riconducibile a quello tipizzato dall'art. 612-bis c.p.

Leggi dopo
Giurisprudenza commentata Giurisprudenza commentata

Il decreto di archiviazione è nullo se la relativa richiesta non era stata correttamente notificata alla persona offesa

14 Giugno 2019 | di Tania Rizzo

Cass. pen., Sez. III,

Archiviazione

La questione affrontata dalla Suprema Corte definisce in modo inequivocabile il percorso logico per cui si giunge alla nullità del provvedimento di archiviazione emesso sulla base di una richiesta non conosciuta e non conoscibile dalla parte che ha proposto la denuncia-querela e che ha, invece, l'interesse diretto alla prosecuzione del procedimento penale.

Leggi dopo
Giurisprudenza commentata Giurisprudenza commentata

La Consulta estende la detenzione domiciliare “in deroga” (al legislatore) per la grave infermità psichica sopraggiunta durante la detenzione

13 Giugno 2019 | di Veronica Manca

Detenzione domiciliare

È costituzionalmente illegittima la previsione dell'art. 47-ter, comma 1-terord. pen., nella parte in cui non prevede che, nell'ipotesi di grave infermità psichica sopravvenuta, il tribunale di sorveglianza possa disporre l'applicazione al condannato della detenzione domiciliare anche in deroga...

Leggi dopo
Giurisprudenza commentata Giurisprudenza commentata

Sequestro e confisca di prevenzione. La tutela dei terzi creditori alla luce della sentenza della Corte Costituzionale n. 26/2019

13 Giugno 2019 | di Francesco Rubino, Giada Bocellari

Corte Costituzional

Sequestro preventivo

La Corte Costituzionale con la sentenza n. 26 del 27 febbraio 2019 ha dichiarato l’illegittimità costituzionale dell’art. 1 comma 198 della l. 228/2012 per contrarietà all’art. 3 Cost., nella parte in cui limita alle specifiche categorie di creditori ivi menzionati la possibilità di ottenere il soddisfacimento dei propri crediti sui beni del debitore che sono stati attinti da confisca di prevenzione.

Leggi dopo
News News

Decreto sicurezza bis. Il Consiglio dei Ministri approva il testo

12 Giugno 2019 | di Redazione Scientifica

Misure di prevenzione

L’11 giugno 2019 il Consiglio dei Ministri ha approvato il testo del decreto legge recante disposizioni urgenti in materia di sicurezza (c.d. decreto sicurezza bis).

Leggi dopo
Giurisprudenza commentata Giurisprudenza commentata

Omesso versamento di ritenute. Le condizioni necessarie per la configurabilità della scriminante di cui all'art. 51 c.p.

12 Giugno 2019 | di Letizia d'Altilia

Cass. pen., Sez. III,

Cause di giustificazione

La questione di diritto che si pone è quella relativa alle condizioni di applicabilità della causa di giustificazione prevista dall'art. 51 c.p. al reato di omesso versamento di ritenute certificate di cui all'art. 10-bis d.lgs. 74/2000 nel caso in cui il soggetto debitore intraprenda la procedura concorsuale del concordato preventivo.

Leggi dopo
News News

Non fondata la questione di legittimità costituzionale sulla prostituzione, anche se volontariamente esercitata

11 Giugno 2019 | di Redazione Scientifica

Corte cost., 5 marzo 2019 (dep. 7 giugno 2019), n. 141

Prostituzione e prostituzione minorile

Con la sentenza n. 141/2019, la Corte costituzionale ha dichiarato non fondate le questioni di legittimità costituzionale dell’art. 3, comma 1, nn. 4, prima parte e 8 della legge 20 febbraio 1958, n. 75 "Abolizione della regolamentazione della prostituzione e lotta contro lo sfruttamento della prostituzione altrui", sollevate...

Leggi dopo
News News

Immutabilità del giudice. La norma non è incostituzionale ma per la Corte va cambiata

11 Giugno 2019 | di Giorgio Spangher

Corte costituzionale

Giudizio

Erano anni che il cpv. dell'art. 525 c.p.p. era nel “mirino” della magistratura. Non c'era dibattito, non c'era commissione ministeriale, documento dell'A.N.M. nei quali il problema dell'immutabilità del giudice del dibattimento, nella prospettiva del suo superamento, non venisse posto al centro del confronto. Si tratta di una questione nodale del modello processuale ove si consideri che la sua violazione è sanzionata con la nullità assoluta speciale, l'unica di tutto il codice...

Leggi dopo
Focus Focus

Scambio elettorale politico–mafioso. Una prima lettura dell'art. 416-ter c.p. come modificato dalla legge 43/2019

10 Giugno 2019 | di Filiberto Palumbo, Rosita Petrelli

legge 21 maggio 2019, n. 43

Scambio elettorale politico – mafioso

La norma previgente, introdotta dalla legge di conversione 7 agosto 1992 n.356 e poi modificata dalla legge 17 aprile 2014 n.62, punisce chi accetta la promessa di chi s'impegna a procurare voti mediante il ricorso alle modalità di cui al terzo comma dell'art. 416-bisc.p., e tanto fa“in cambio dell'erogazione o della promessa di erogazione di denaro o di altra utilità...

Leggi dopo
News News

Falso in atto pubblico aggravato. La fattispecie non può essere ritenuta in sentenza dal giudice se non contestata nell’imputazione

07 Giugno 2019 | di Redazione Scientifica

Cass. pen., Sezioni Unite, 18 aprile 2019 (dep. 4 giugno 2019), n. 24906

Falsità materiali ed ideologiche

Con la sentenza n. 24906, le Sezioni Unite hanno sciolto il quesito di diritto, sollevato dalla Quinta Sezione Penale, se possa essere ritenuta in sentenza dal giudice la fattispecie aggravata del reato di falso in atto pubblico, ai sensi dell'art. 476, comma 2, cod. pen., qualora la natura fidefacente...

Leggi dopo

Pagine